"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

giovedì 29 dicembre 2011

Questo oggetto non esiste ovvero "tu non hai visto niente!"

Nel paese dove abito, i commercianti sono un po' strani, mi spiego meglio: oggi sono andata in merceria per comprare della lana, dopo aver preso la lana, la commerciante gentile mi ha chiesto se mi servisse altro, a me è venuto in mente che mi serviva una penna marca tessuto che si cancellasse dopo il lavaggio quindi ho chiesto se per caso ne avesse una, "sa l'ho vista in Germania, si chiama Sublimierstift o qualcosa del genere" e lei "noi abbiamo solo quelle resistenti ai lavaggi ma stasera vado in deposito e controllo se ci sono dei prodotti nuovi". Ora, non è la prima volta che mi capita che mi dicano "no signora questo prodotto non esiste!!" anzi stavolta la commerciante ha proposto una soluzione. La maggior parte delle volte i commercianti di qui mi rispondono che se non ce l'hanno loro non esiste proprio sulla faccia della terra!!

Tre anni fa entrai in un negozio di frutta e verdura a Maggio e chiesi delle fragole, mi risposero "no signora per le fragole non è stagione" e io ingenuamente chiesi "Mh e allora quand'è la stagione delle fragole?!!
Notoriamente la primavera è la stagione delle fragole e infatti in quasi tutti i negozi te le "tirano" addosso, metaforicamente e no, ma lei no! Lei era alternativa.
Ha preferito inventarsi di sana pianta un'altra stagione per le fragole (quale sia non si è mai saputo).
Un'altra volta entrai dal fioraio sotto casa e chiesi se avesse delle calle.
Il periodo mi ero innamorata della calla Zantedeschia rehmannii, trovo che sia un fiore semplice ed elegante al tempo stesso.
Chiedo al negoziante se per caso avesse delle calle rosa o se potesse portarmele, la sua sconcertante risposta fu: "Io porto quelle che trovo e quelle che porto vendo!"
A questo punto la domanda sorge spontanea "Ma ci sono o ci fanno"?
Mi sorge anche la risposta, ma preferisco essere buona e pensare che vivere in un'isola sia veramente un problema per molti.
Non è davvero da tutti comprare on-line e farsi spedire oggetti da ogni parte del mondo. Viviamo in un'isola va bene, ma non siamo isolati, o per lo meno cerco di pensare che non lo siamo se non lo vogliamo.
Io mi ritengo molto fortunata, conosco un paio di lingue che mi permettono di leggere ed informarmi anche su siti stranieri e di conoscere altre culture stando seduta sul divano di casa mia, certo non è la stessa cosa che viaggiare e conoscere realmente persone e posti lontani, e questo mi dispiace tantissimo.
In un'altra vita forse viaggerò per terre sconosciute e lontane, in questa vita, per ora, muoversi con "due palle al piede" (affettuosamente: i miei simpatici figli) così piccole è un pó problematico. Parlo di posti lontani ed esotici. Per il resto ci spostiamo tra nord e sud Sardegna abbastanza spesso, quindi i "pesi" sono abituati a viaggiare e spostarsi, ma prendere l'aereo e la nave è un po' più problematico. Abbiamo già fatto 3 viaggi fuori dalla Sardegna con loro e devo dire che sono stati bellissimi, ma tanto, tanto, tanto stancanti.
Magari prossimamente faró un vademecum su come viaggiare coi bambini!

Nessun commento :

Posta un commento

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"