"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

domenica 18 marzo 2012

Pediatri...

Ovvero la mia esperienza di mamma alle prese col mondo dei pediatri.

Non so voi ma a me un pediatra che mi dice "Signora non si fidi dei pediatri!", mi fa un pochino pensare....
Da quando è nato mio figlio, 3 anni fa, credo di aver consultato ogni tipo di pediatra (ma non pongo mai limiti alla provvidenza!):

  • Pediatra tipo 1: scienziato pazzo: Omeopata, vegetariano, pro-latte materno, steineriano, studioso di antroposofia. Un tocca sana per la neo mamma! 
Immaginatevi una neo mamma alle prese con una piccola creatura urlante, lontana kilometri da ogni probabile parente (anche lontano), soprattutto dalla mamma, le sorelle e le amiche, che non vede anima viva per giorni (tranne il marito ovviamente) perchè è nuova in città e il corso pre-parto preposto alla conoscenza tra mamme ha lasciato zero conoscenze :(
L'unico pediatra che conosce, conosciuto al corso pre-parto, è questo qui.
Il suddetto pediatra è anche un dietista (o crede di esserlo) per cui da anche consigli sull'alimentazione della neo mamma, che deve essere rigorosamente vegetariana (?), sue le parole "Signora non deve mangiare carne, pesce, uova e pomodori" insieme a un'altra quantità imprecisata di cose tipo cioccolato, peperoni, melanzane, salsiccia, praticamente niente :(
mi segnarono profondamente per i primi mesi tant'è che arrivai a mangiare solo riso rigorosamente integrale con zucchine cotte senza olio!! Il tutto avvalorato dal fatto che mio figlio si ricopriva di macchie in faccia che lui identificava col fatto che io mangiassi una qualunque di queste cose a caso oppure tutte insieme. Inoltre il soggetto in questione crede di poter essere, o in qualche modo ricoprire, il ruolo di psicologo, facendo diagnosi banalissime che anche il mio gatto saprebbe far di meglio, e dandovi dei consigli su come trascorrere la vostra vita. Tipo che so "a lei signora manca sua madre! ma deve affrontare questa perdita (?)" "tiè mia madre non è morta!" facendo pure, come si dice dalle mie parti, il "cugurra" (ovvero persona che porta iella).
  • Pediatra tipo 2: donna sbadata, amante del latte artificiale, poco amante della salute dei bambini (alias studio Siberia):
Non contenta della prima scelta, decisi di avere il meglio per la mia salute mentale ma soprattutto per quella di mio figlio.
Quindi guardai l'esiguo elenco dei pediatri e scelsi l'unica donna, credendo che mi avrebbe dato affidabilità, tenerezza ect. ect. insomma ero una povera ingenua che credeva "se è una donna avrà dei figli e saprà di certo essere carina con loro e saprà curarli al meglio". Ed è qui che mi sbagliavo! Il suo studio sembrava la Siberia, quando entravi c'era più freddo che fuori, inoltre l'ingresso si allagava non appena facevano 2 gocce di pioggia, e fortuna volle che, nonostante la media di precipitazioni annuali in questa zona si aggiri intorno allo zero, le piogge si concentrarono tutte in quel periodo!
Ogni volta che andavo a fare il controllo dovevo assicurarmi che il bambino non mangiasse da almeno due ore, e una volta m'ha persino sgridato che lo stavo allattando in sala d'aspetto, ricordo ancora le sue dolci parole "Ma come signora lo sta allattando? Io dopo devo pesarlo!", spiegatemi voi come fare a calmare un urlatore professionista che se non vede una tetta nel giro di un "apro un occhio e devo avere già la tetta in bocca!" urla come un disperato e va sempre in crescendo e non è assolutamente controllabile nemmeno per pesarlo... ecco questo era mio figlio.
Un giorno il povero disgraziato rimase senza voce e forse ebbe la febbre, dico forse perché io e mio marito non gliela misurammo (chissà come mai quando si diventa neo-genitori si dimentica il buon senso!!!), in chissà quale maniera si misurerà la febbre ai neonati???!!
Al telefono la pediatra ci disse che non c'era bisogno di portarlo in visita. La settimana dopo aveva perso 150gr!
Lei, la prima cosa che fece, dopo che ebbe controllato il peso, fu quella di andare nello sgabuzzino e portarmi 2 confezioni di latte artificiale, dicendomi "se il bambino non prende peso io le tolgo il suo latte!!! (secondo me non aspettava altro!)


  • Pediatra tipo 3: uomo, con esperienza pluriennale, cordiale, gentile e professionale, lontano da voi kilometri
E' quello che ha lo studio riscaldato, è gentile, vi spiega bene le cose, che controlla i vostri figli, che risponde al telefono quando lo chiamate, insomma è il vostro pediatra preferito, peccato che sia a 200 kilometri di distanza e abbia orari non proprio comodi, però rimane comunque un bravissimo pediatra, vi fa addirittura pagare una visita ogni due volte che andate, che altro volete??
Vorrei fargli un monumento! Mi ha salvato da un probabile collasso nervoso, spiegandomi che "no lei può mangiare tutto quello che vuole, non c'è nessuno studio scientifico che dimostri che nel latte materno passino gli alimenti che lei ingerisce!" fu così che ricominciai a mangiare di tutto....

  • Pediatra tipo 4: donna, omeopata...

E vabbè, non contenta del primo pediatra, ho pensato "di nuovo un omeopata? ma che sarà mai, mica sono tutti uguali", peccato che alla prima malattia del nano curata da lei (dico curata da lei perchè fortunatamente il nano si era ammalato 2 volte in 3 anni, e tutte le volte eravamo in trasferta dai nonni dove c'era il pediatra tipo 3) lei si sia dimostrata negligente e poco seria.
Il nano aveva la febbre alta e lamentava dolore all'orecchio, andiamo dalla suddetta e le dico "il bambino si lamenta che ha dolore all'orecchio e mi dice che non sente niente" e lei non si scompone "a quest'età è normale", e non lo visita nemmeno O__O.
Il giorno dopo chiamo il costosissimo pediatra a pagamento e il bimbo ha nientepopodimeno che l'otite media vicina alla perforazione. L'otorino quando le dico che era in cura da un pediatra omeopata mi risponde "ah vabbè ma quella è omeopata!", e quindi non credo che sia una scusa per non visitare il bambino se ti dico che gli fa male l'orecchio, ma tant'è....
Ora non dico che ogni pediatra omeopata che c'è in giro sia così, ma tutti io li devo beccare???


  • Pediatra tipo 5: il costosissimo pediatra a pagamento
Efficiente, risponde quando chiami, visita e fa tutti i controlli ai bimbi, peccato che sia un tantino freddo e glaciale, ma sarà perchè lavora in ospedale e vede tanta di quella gente che dare un pò di confidenza per sentirsi un pò meno davanti a un frigorifero non sia il massimo per lui, si sa come sono le mamme (sempre ansiose per nulla e rompono le scatole a tutte le ore= testuali parole della sostituta del pediatra di base davanti ai miei occhi, dopo aver parlato con una mamma che la chiamava per le coliche del figlio!)
Però è un'ancora di salvezza!

  • Pediatra tipo 6: il pediatra della porta accanto
E' quello che il secondo giorno che l'ho preso in carico mi ha detto "Signora non si fidi dei pediatri!!" O__O "quindi non mi devo fidare nemmeno di lei?"
E' quello che quando chiami e dici "mio figlio ha la febbre" ti risponde "signora c'è in giro" "e cosa possiamo fare?" niente...
Però si dimostra efficiente e utile quando serve, e quest'anno abbiamo fatto l'abbonamento con lui, dal momento che i nani si sono ammalati un giorno si e l'altro pure.


7 commenti :

  1. Ecco perchè avrei tanto voluto studiare medicina e specializzarmi in pediatria ;-))) ..invece con la laurea in lingue..mi permetto ogni tanto di mandarli a 'cagher' in russo!

    RispondiElimina
  2. eh eh eh anch'io li mando a cagher in un paio di lingue ogni tanto da soddisfazione ;)

    RispondiElimina
  3. Credo che il nostro faccia parte della 6 categoria...però mi trovo abbastanza bene...è abbastanza scruposolo e fin'ora non mi ha mai delusa...speriamo continui così!!!

    RispondiElimina
  4. Mamma che esperienze inquietanti che hai! A me fortunatamente non capita perchè facendolo pure io capisco subito se uno ci capisce o è un pirla: però sento anche le mie amiche che si attengono a consigli improbabili e mi incazzo come una iena....

    RispondiElimina
  5. E' che purtroppo i pirla li han mandati tutti qui ;)
    ma dopo il primo ho smesso di attenermi a consigli improbabili e sono andata a mangiarmi del buonissimo cioccolato alla facciazza sua :D

    RispondiElimina
  6. ommiioddio ma dove sei capitata??che ridere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma più che altro li ho beccati tutti io :D

      Elimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"