"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

venerdì 13 aprile 2012

Il diavolo e l'acqua santa

I due pargoli, com'è giusto che sia, sono come la notte e il giorno, il cielo e la terra, la tragedia greca e la sceneggiata napoletana.

Lui è la tragedia greca: urla atroci di dolore e pathos eccessivo se qualcosa non va come l'aveva prevista lui.
Ogni emozione viene manifestata in maniera eccessiva, rabbia, gioia, dolore, tristezza, tutte elevate all'ennesima potenza.



Esempio: ieri pomeriggio, felice e contento, andava al parco giochi, arrivava di corsa verso l'ingresso ma "NOOOOOO CI SHONO ATTI BABBINIIIII UAAAAAAAAAAAUAAAAAA", scappa via a gambe levate e non c'è verso di farlo tornare indietro o di farlo avvicinare all'ingresso del parco, con conseguente incaxx della zia che ha dovuto rincorrerlo per tutto il tempo in cui gli ospiti indesiderati occupavano il suddetto.
La sorella nel frattempo scalava lo scivolo e saltava sul dondolo.

Altro giorno, altro parco: il ragazzo punta una giostrina e cerca di raggiungerla alla velocità smodata di 2 e dico 2 km all'ora (credo che mio figlio sia l'unico bambino che al parco invece di correre cammina, perché sta attento a non inciampare O_O)
ma ecco che un altro nano lo supera e "NOOOOOOOOOOO BUAAAAAAAAA" con l'urlo che da Cagliari arriva fino in Africa e continua a volume altissimo, con lacrime e pestata di piedi al suolo finche il nano non lascia la giostra (dopo ben 20 minuti!!)
Inutile dire che nel mentre cercavo invano di spiegargli che i giochi del parco son di tutti e che si può giocare anche insieme agli altri bambini.
E intanto le nonne e le mamme che passavano di lì mi guardavano come se fossi un mostro alieno al quale è stato recapitato un cucciolo di uomo e non sa come comportarsi (il che alle volte è così però non vado in giro a dirlo a tutti eh!)
Nel frattempo la sorella scalava lo scivolo e saliva sull'altalena.

Quasi tutti giorni, altra situazione: "andate a lavarvi le mani prima di sedervi a tavola" faccio io
arrivano in bagno e parte la sirena "BUAAAAAAAA UAAAAAAAAAA"
caspita che sarà successo penso io, sarà uscito il mostro del water? La sorella avrà osato toccarlo?
corro in bagno e lui "NON RIESCO AD AZZAMMI LE MANICHE DELLA FEPPA UAAAAAAAAAAAAAAUAAAAAAA"
Nel frattempo lei si è già sollevata le maniche, aperto il rubinetto, messo il sapone e si sta lavando, mentre lui è ancora lì che piange perché non riusciva a sollevarsi le maniche +moltoincavolato+

Lei è la sceneggiata napoletana: perchè se il fratello si fa male e piange, lei piange per finta e corre da me prima di lui per farsi consolare (avete presente le espressioni melodrammatiche cantate tipiche di quella sceneggiata? Lei le interpreta benissimo!)

Situazione tipo: Deddè gioca sul lettone e non consapevole del bordo finisce fuori e si sfracella sul comodino, parte la sirena e vado a consolarlo.
Non faccio in tempo ad arrivare che vengo placcata dalla piccola panzer che fa finta di piangere toccandosi il sedere (il punto nel quale anche il fratello si è fatto male), si vede da lontano che fa finta, con l'espressione tipo melodramma fa "buaaaaaaa" (ha un futuro nel teatro secondo me!)

Deddè viene sgridato dal padre perchè ha appena staccato la tenda dal bastone e parte la sirena "UAAAAAUAAAAA",  lei corre verso di me con espressione finta "buaaaaaa buaaaa".

Altra situazione: stanno mangiando e a lui cade il cibo dal piatto o mentre lo avvicina alla bocca "UAAAAAAAAA BUAAAAAAAAAA" urla atroci di dolore come se gli avessero staccato un arto!
Lei butta il cibo sul vassoio e imita il fratello "buaaaaaa buaaaaaaa", nel mentre raccoglie il cibo e se lo magna :) se potesse scenderebbe dal seggiolone per infilarsi in bocca anche quello del fratello!

Mia madre sostiene che sia la venuta al mondo della sorella ad averlo reso così, sostiene che le sue urla siano dovute alla mancanza d'affetto (???) perchè la sorella riceve più attenzioni di lui O_O

Ora, io ricordo la sua venuta al mondo...
chi è mamma lo sa, queste cose non si dimenticano.
Dopo averlo scodellato (tipica espressione di mio marito per indicare il parto spontaneo), l'esserino tutto rosso mi è stato messo in pancia urlante e dimenante, e secondo me urlava già dentro la pancia, qualcosa del tipo "UAAAAAAAAAUAAAAAAAA chi ha osato disturbarmiiiiiiiiiiii"
non vedeva l'ora di uscire perchè è stato li a bussare per 2 delle 4 ore di travaglio e meno male che è durato solo quattro ore (immaginatevi voi a trattenere per ben 4 ore :( )
La prima cosa che ha fatto quando è uscito, ed era lì urlante sulla mia panza, è stato pisciare, moh ditemi voi se non è tipico, segnava il territorio :D
Dopo avergli dato da mangiare e averlo infilato dentro a un letto se lo sono portati via e io ho potuto dormire sogni beati per tutta la notte, che goduria, che silenzio (si fa per dire, gli altri mostri urlanti infestavano la stanza ma io ero noncurante che la cosa potesse capitare anche me)
La mattina dopo arriva un'infermiera dal nido e contenta dell'arrivo del mio bimbo mi fa "signora se non viene a prendersi il suo bimbo le faccio pagare la visita dall'otorino!" O_O iniziamo bene dico io....
E infatti...il piccolo era rosso dalla rabbia, urlava a più non posso e aveva la vena del collo gonfia per lo sforzo....
avrei imparato più tardi che prima di piangere prendeva la rincorsa, riempiva bene i polmoni, andava in apnea un paio di minuti e poi buttava fuori l'urlo atroce e questo per qualsiasi cosa gli desse fastidio (fame, caldo, cacca, cuffia, sonno, facce estranee, coccole...si anche le coccole, non sopportava e non sopporta avere gente addosso se non vuole lui)

Quindi non è una novità il fatto che urli, ci siamo abituati, anche se ogni volta devo stare a spiegare i motivi alle persone che lo conoscono e non.
E' che in certe situazioni ti trovi un tantino in imbarazzo soprattutto se l'urlo è cacciato contro tua zia o una qualche parente di tua suocera e la frase che ne consegue è del tipo "porta chiusa" per indicare alla zia di andarsene :)
Anche se ridi sotto i baffi perchè la zia tanto simpatica non è +oops+
Sto decisamente pensando di comprarmi dei tappini per le orecchie perchè le urla, soprattutto negli spazi stretti, raggiungono livelli a dir poco preoccupanti per i timpani ;)

La sorella è di tutt'altra pasta.
Quando è nata guardava estasiata il soffitto, talmente estasiata che si era dimenticata di piangere, e a me è quasi sceso un colpo quando l'ho vista con quell'espressione beata e non piangeva tant'è che ho chiesto "ma è viva?" e al che lei ha risposto con un mite "ueeee ueee"
Se lui è un vulcano per le emozioni che sprigiona e che riesce a suscitare negli altri, lei è la calma prima della tempesta.
Non sai mai che cosa potrà succedere quando si mette in testa qualcosa.
A 10 mesi, dopo aver imparato a gattonare, ha imparato a salire sulle scale, a prendere una scatola e ad usarla come trampolino per lanciarsi dal divano o dal letto del fratello.
Ora apre la porta di casa dei miei in paese ed esce per strada, non fai in tempo ad accorgertene che lei è già scesa per il sentiero che porta alla valle e se la rincorri corre più veloce di te +secco+





4 commenti :

  1. senti un pò: il mondo è bello perchè è variooooo, dillo un pò a chi ti guarda storto!

    RispondiElimina
  2. Esatto!! Ed è bellissimo così! +lol+

    RispondiElimina
  3. Come ti capisco...il mio secondo e' della stessa pasta...ha appena compiuto tre anni e speravo in un miglioramento, e invece siamo gia' alla fase retroattiva-pre-arrivo-del fratellino.
    Capricci, bizze, pianti, per niente. NIENTE. Io dico niente ma forse per lui sono questioni vitali...il pu' garnde sembra gia' un ometto ed ha solo 5 anni, ma e' sempre stato grande, dall'aspetto alla maturita'....vediamo con il terzo come andra', che dici?ormai sono pronta a tutto...o quasi...

    RispondiElimina
  4. aiutoooo non oso pensare a come sia o sarà la vita con 3, io ho deciso di fermarmi a 2 che già sono abbastanza per me :) però penso che ormai sarai veramente pronta a tutto.
    Anche il mio grande ha 3 anni forse sarà l'età? E il fatto che la sorella sia arrivata nei terrible twos non ha fatto che aggravare la situazione, confido nel tempo ;)

    RispondiElimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"