"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

sabato 25 agosto 2012

Mamma decisamente staccata

Un tempo molto lontano (non molto molto, soltanto molto) della mia vita, usavo i tacchi tutti i giorni.
Avevo 17 anni e frequentavo la 4a liceo.
Andammo in gita. Mi ricordo che fu una gita bellissima.
Bologna, Ferrara, Ravenna, Urbino.
Posti bellissimi che mi piacerebbe rivedere un giorno.
E fu anche l'unica che facemmo, perchè l'anno dopo non ricordo quale crisi internazionale/nazionale o semplicemente di classe, ci fosse, per cui ci scordammo la gita.
Ricordo ancora come oggi che il secondo giorno della gita entrando in una Basilica a Bologna, credo fosse questa, caddi rovinosamente a terra slogandomi la caviglia e non riuscendo a camminare per almeno un'ora.

Fortuna volle che la mia migliore amica di allora avesse un paio di scarpe da ginnastica in più e proseguii il viaggio con quelle.
Da quell'anno passarono parecchi anni, almeno 10, prima di ricomprare un paio di scarpe col tacco, per poi metterle solo per poche ore e mai per fare passeggiate o camminate lunghe.
A 17 anni portavo un tacco 10.
Ora il massimo che porto è un tacco 5 e il massimo che riesco a fare è: uscire di casa, salire in macchina, uscire dalla macchina fare due passi ed entrare nel locale in cui siamo diretti e solo se non sono da sola coi bambini!
Inoltre dall'anno scorso porto un fantastico plantare, molto utile per i miei piedi piatti e martoriati dai miliardi di slogature fatte, ma molto poco elegante sulle scarpe, rigorosamente basse e stile ortopedico (o se preferite stile vecchietta) e, come ho avuto modo di provare la scorsa settimana, anche molto ben ancorate a terra quando vorrei ballare :(
Se voglio camminare bene e stare bene con la schiena devo portare sto plantare, ma ogni tanto vorrei potermi permettere delle scarpe eleganti, belle, che discostino dal modello "mia nonna", anche perchè ho ancora 32 anni e anche se ho due bimbi vorrei sentirmi più femminile e ancora giovane, non tutti i giorni s'intende, solo ogni tanto.

L'altro giorno desideravo ardentemente un paio di scarpe eleganti da abbinare a un grazioso vestitino di seta verde che adoro.
Approfittando dell'apertura serale dei negozi usciamo per un giro di ricognizione, anche se so già che i negozi che conosco sono chiusi, rimangono quelli alla moda o trendy a basso costo.
Purtroppo ho scoperto che scarpe basse, eleganti e che non siano infradito non esistono.
Non le fanno!!
Anzi le fanno ma sono più brutte di quelle che portava mia nonna!
Le mie scarpe ortopediche sono addirittura più belle!
Ecco io non capisco perchè se una non vuole il tacco ma la scarpa bassa deve per forza infilarsi queste infradito che torturano il piede, oppure le ballerine, altra tipologia che odio perchè esaltano la personalità del mio piede da hobbit :(
Ovviamente le scarpe sono rimaste nel loro negozio, anche se la commessa m'ha portato ben 6 modelli di infradito eleganti da provare, cercando di convincermi che mi stessero bene e che fossero bellissime.

Pensando e ripensando m'è venuta un'ideona.
Avevo queste scarpe, tipo sandalo francescano, molto neutre, molto poco chiccose, comprate in un impeto di pazzia ehm bisogno, quando ero incinta di Deddè e il mio piede da hobbit non entrava da nessuna parte, men che meno in un paio di scarpe tacco 12.
Ecco che m'è venuto in mente di fare il restyling della scarpa.
Da scarpa bruttina ma mettibile a scarpa orrenda ma chiccosa :P
Eccola qui a metà del restyling, non ho fatto una foto prima, ma potete notare che nonostante gli strass l'effetto di eleganza che volevo imprimergli non è riuscito moltissimo (non è che la qualità della foto aiuti molto nel capirlo vero eh?).


Allora ho attaccato un fiore realizzato seguendo questo tutorial, non avendo dell'organza da usare per fare il contrasto, l'ho realizzato usando soltanto uno di quei veli da bomboniera, ed ecco il risultato:




Sono una mamma, e donna decisamente staccata, però anche un bel paio di scarpe basse possono dare delle grandi soddisfazioni al nostro piede!! 
Avevo in mente da tempo di parlare di dove metto i piedi da quando sono mamma, grazie all'iniziativa de Lastaccata ora posso farlo per questo divertentissimo contest!!

8 commenti :

  1. Ma che brava!!! Bellissima trasformazione. Dall'alto del mio metro e ottanta non riesco proprio a capire perche' non ci sia mai alternativa tra un tacco 12 e una suola rasoterra. Camper fa delle scarpe belle e comode con un tacco portabile, ma costano davvero troppo. Pare che la nuova moda stia abolendo il super tacco, ma l'alternativa e' sempre la pianella, come la chiamo, e mi sa che dovremo aspettare ancora un po'. Nel frattempo soluzioni DIY come la tua sono grandiose!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :)
      io sono piuttosto bassina (1,60), ma me ne sono fatta una ragione e non porto i tacchi :P, odio anch'io le pianelle però, una via di mezzo è difficile da trovare.
      Le camper non le conoscevo, io adoro le clarks e anche quelle come costi siamo li :(

      Elimina
  2. Io ho partecipato nel gruppo delle Taccate, ma le tue pianelle rinnovate sono proprio carine, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marzia, avevo letto il tuo post :)

      Elimina
  3. Stardancer, eccomi finalmente!!! Nel messaggio privato mi hai chiesto se facevi in tempo a partecipare al contest e ti rispondo che sì, certamente fai in tempo perché la mia iniziativa non ha una scadenza; serve semplicemente a dar voce a chiunque voglia raccontare come indossa la vita (e le scarpe) da quando è diventata mamma o papà ( e sì, perchè ci sono anche papà staccati e, in qualche modo taccati. Strano ma vero).
    Ti anticipo che in via del tutto eccezionale si trasformerà a breve, e per un periodo limitato di tempo, in un contest (premio ancora top secret) per poi riprendere la sua natura di semplice indagine "scarpesca" sul web.
    La trasformazione dei sandali francescani è strabiliante, i miei complimenti! :-)
    Linko subito il tuo post nell'apposito spazio che ho creato sul mio blog e sulla pagina Facebook. Grazie di cuore per aver partecipato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luana grazie a te della divertente iniziativa, dei complimenti e delle anticipazioni. Ho letto quasi tutti i post dedicati all'iniziativa, non vedo l'ora di vedere il contest a premi :)

      Elimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"