"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

lunedì 29 aprile 2013

Fare fare fare fare

Ho bisogno di fare, fare, fare, fare e di fare (l'ho già detto?)
Questa immobilità, questa attesa del qualcosa che verrà mi sfianca.

Ho bisogno di fare qualcosa oltre al fare la mamma, e mi manca il lavoro, anche se non mi mancano le modalità, i modi di fare dell'ex capo, non mi manca lo stress, mi manca lo scopo, lo svegliarmi la mattina e pensare oggi vado al lavoro/faccio qualcosa che non sia solo rassettare casa/pensare ai bimbi/pensare alla cena-pranzo.

Lo so che in realtà da fare ne ho con due bimbi e con la casa ancora da mettere a posto quasi completamente (dice la veccia della porta accanto che dispensa sempre idiozie a non finire, metaforicamente parlando, è uno degli adagi più usati da mia mamma :( ), anche se Caia praticamente passa la mattina cantando, ballando, giocando, leggendo, girandomi intorno chiedendomi di guardare Peppa Pig o simili, e Deddè quando arriva è talmente stanco che si butterebbe sul divano o sul letto anche se lui in realtà non lo ammette, e se qualche volta provo a portarli al parco sta appiccicato a me modello cozza e si stacca solo dopo un pò (anche se questo credo sia congenito al suo essere maschio cocco de mamma, e qui posso aggiungere: Quando se staccano sti maschi??? Ogni giorno cerco di escogitare qualsiasi escamotage pur di allontanarlo un pochino da sotto le gonnelle ma non c'è niente da fare, bostik!).
Ma vogliamo parlare del suo essere maschio?
Della sua natura maschile che è già bella evidente anche se lui ieri ha dichiarato che da grande vuole essere una femmina perchè le femmine sono belle e i maschi no O_o
Deddè si fa un graffio sul dito, o meglio ancora, ha una pellicina che sporge sul ditino?
AHHHHHHHHHHH AHHHHHHHH BUAHHHHHHHHHHHHHH
sembra che gli abbiano appena scorticato il dito in questione, (tortura cinese per noi che ascoltiamo) e questo per 3 giorni di seguito!
Me lo vedo già da grande con la febbre a 36,9 accasciato sul divano, morente, che geme per i dolori atroci!
Non parliamo poi di quando deve risolvere un problema.
Problem solving? What's problem solving?
Non ci prova nemmeno.
Parte direttamente col: NON CI RIESCOOOOOOO! MAMMA FALLO TU!!
Non a caso il suo soprannome è "La tragedia greca". Tragedie per ogni cosa.
Ora mi chiedo saranno tutti così?
Nel frattempo Caia ha già intuito qual'è il problema, cercato un paio di soluzioni e optato per quella a lei più conveniente (ovviamente se si fa male sa già dove sono cerotti e acqua ossigenata e se l'armadietto dei medicinali non fosse chiuso a chiave farebbe tutto da sola!)
E sapete, poi lui si lamenta perchè non ci ha pensato prima lui oppure perchè non l'ha fatto prima lui.
Non c'è niente da fare, dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna ;)
Anche se passano la maggior parte del tempo a litigare ormai si vede che si vogliono bene e sono già complici quando devono combinare qualcosa di "furbetto" insieme.
Come ieri al mare, entrambi nello stesso istante hanno ben pensato di buttarsi in acqua, o quasi, e bagnarsi piedi e pantaloni ridendo come matti :)



Tornando al mio bisogno di fare. 
Sto allietando le mie giornate e quelle dei due, con i miei soliti lavoretti di cucito.
Stavolta mi sono imbarcata nel set del dottore (a Caia piace fare la dottoressa e "dottorare" le sue bambole) e negli attrezzi di "siconbo", come lo chiama Deddè, "Bob aggiustatutto"
questi sono i primi pezzi che ho fatto, devo dire che danno grandi soddisfazioni :)


18 commenti :

  1. Ma per caso Dedde ha un gemello qui nel nord Italia, precisamente a casa mia, che si chiama D.? ;)

    Molto carini il martello e lo stetoscopio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che son tutti così sigh :)
      grazie :)

      Elimina
  2. Sei proprio brava, nella tua nuova attivita' potresti aggiungere la vendita di giocattoli homemade!

    PS: Anche mio figlio ama fare le tragedie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, si in effetti è una cosa a cui sto seriamente pensando!
      Caia invece fa le sceneggiate, che almeno ti fai due risate :)

      Elimina
  3. Che belli i tuoi lavori!
    Anche qui le sceneggiate sono all'ordine del giorno...che pazienza!

    RispondiElimina
  4. Sono felice di leggere la tua risposta a Georgia ;)
    Ma Dedde' fa cosi da sempre o da quando ha cambiato scuola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      Deddè è nato così, col tempo si è un pò acquietato ma è sempre stato così, una vita in protesta, da quando ha cambiato scuola mi sembra solo un pò più ansioso o tragico, per ogni cosa, tipo ieri è caduto lo stendino coi panni e lui li a fracassarmi i maroni sul fatto che i panni fossero caduti e cosa succedeva se cadevano etc, con una nota ansiosa nella voce, me l'avrà ripetuto 50 volte, e io sempre li a spiegargli che non succedeva niente.

      Elimina
  5. quei due strumenti sono bellissimi! mi ricordano un serpentino che mi aveva cucito la mia mamma, era cosi' bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) non so chi si diverte di più, io che li faccio o loro che ci giocano :)

      Elimina
  6. La capacità di cavarcela da sole mi sa che ce la forniscono direttamente col DNA :D!
    Mio figlio non è tanto per la tragedia quanto per la polemica, ogni volta gli faccio presente che "chi fa da sé fa per tre", quindi prego e arrangiarsi! Però che gran fatica avere lui che spezza sempre il capello in 4 ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa tanto di si, predisposizione innata :D
      Deddè oltre che tragico è anche polemico come il tuo, per ogni cosa c'è sempre un ma, anche se la risposta è si, sempre si ma.... Anch'io cerco di inculcargli "chi fa da se fa per tre!" Ma a volte sembra non afferrare!

      Elimina
  7. Ti ho premiata nel mio blog!
    Bacissimi http://inattesaditedaunavita82.wordpress.com/

    RispondiElimina
  8. Spero anche io che i miei maschietti non assomiglino al padre in quanto all'affrontare la malattia...
    lascia un po' stare il fare e goditi l'essere. Essere mamma, figlia, moglie.Poi tornera' anche il fare.
    A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) è che in fondo non smettiamo mai di essere anche quando facciamo tanto ma dopo un po' di inattività ho bisogno di muovermi, non ce la faccio a stare troppo ferma :)

      Elimina
  9. Ma dove l'ho scritto il commento? Mah...
    Dicevo solo che allora è proprio genetico! :-D

    RispondiElimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"