"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

martedì 21 maggio 2013

Galeotta fu la mail

Oggi leggevo questo post di Moky e mi son detta che è un bel po' che voglio raccontare questa storia e questa mi sembra l'occasione giusta.
Correva l'anno dei miei 21, festeggiati il 21/01/2001, e devo dire che quell'anno fu effettivamente particolare. Nello stesso istante trovai l'amore della mia vita (posso dirlo? Stiamo insieme da quell'anno lì, posso dire che 12 anni sono quasi una vita ;) ) e persi la mia migliore amica dell'epoca, quella che tra l'altro contribuì a farci incontrare.
Ma procediamo con ordine.
Mi trovavo a casa della mia amica, lei aveva un computer iMac prima generazione che mi piaceva tantissimo (scusate la divagazione) e tra le email che leggeva c'era l'email di un suo amico. Era la classica catena di Sant'Antonio quella in cui dovevi rispondere a delle domande e ricordo che ridemmo tantissimo delle sue risposte, erano veramente simpatiche, e chissà perché una la ricordo ancora, alla domanda: "cosa collezioni?" Aveva risposto "battiti di cuore cardiaci". Ora non pensate che abbia pensato che fosse un romanticone, affatto, pensai "uno che colleziona battiti di cuore dev'essere davvero un gran simpaticone, per fare battute così fini, cioè insomma tutti collezioniamo battiti di cuore in fondo perché viviamo, però a chi verrebbe in mente di farci su una battuta, a uno che fa dell'ironia" e dopo quest'ardita riflessione d'impulso dissi alla sorella della mia amica "dì a questo ragazzo di scrivermi" così di punto in bianco. Non so cosa mi spinse a volerlo conoscere, forse quel fondo d'ironia sottile che avevo letto in quelle poche righe, e niente, Lui mi scrisse! Ci scrivemmo per mesi, almeno 4, e tutte le email le conservo ancora. Ricordo che andavo in biblioteca e con impazienza aprivo la posta per aspettare le sue email, più che altro perché non mi scriveva nessuno :P e mi è sempre piaciuto avere amici di penna, alle superiori avrò avuto 5 penfriend incoraggiata dalle insegnanti di lingua, scrivevo in tutte le lingue che studiavo.
Dopo tre mesi che ci scrivevamo organizzammo per incontrarci, non da soli, anche perché all'epoca non provavamo niente l'uno per l'altra (almeno per me), con l'amica che ci aveva fatto conoscere e i suoi amici.
Ci mettemmo insieme dopo 5 mesi che ci frequentavamo e dopo un mese che stavamo insieme Lui mi chiese di sposarlo e mi regalò questo

che fece fare da un orafo, così come le nostre fedi, all'interno c'è anche un'iscrizione :)
All'epoca accettai il regalo, lo misi al dito e non risposi alla sua gentile offerta, facendo allegramente la gnorri.
Continuò a chiedermi di sposarlo per i successivi 5 anni, finché non cedetti ;)
L'amica in comune? Si offese, anzi diciamo che l'intera sua famiglia si offese, perché Lui scelse me e non lei o la sorella, più o meno, una di quelle cose assurde che capitano nella vita, sta di fatto che la scusa ufficiale fu che io osai presentarmi con Lui a un appuntamento con lei e un'altra amica alla quale volevo presentare Lui sapendo che lei era sua amica e che Lui era venuto gentilmente a prendermi alla fermata dell'autobus che facevo lo cacciavo? dopo averle tra l'altro chiesto se potevo andare con Lui O_o

22 commenti :

  1. Ma che storia super romantica!!! ♡♡♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) ora Lui ti dirà che non è vero che passò un mese da che mi regalò quell'anello ma ben tre :) e non ho scritto come mi conquistò...le poesie che scriveva :)

      Elimina
  2. La storia è bellissima e comunque ti voglio dire che anche io ho trovato mio marito e nello stesso anno e per lo stesso motivo tuo ho perso quella che si definiva la mia migliore amica...ma sai che c'è, ora alla luce di tutto quello che è venuto dopo direi che il gioco è valso la candela...e sono contenta di aver ancora il mio lui! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco appunto si definiva, hai detto la parola giusta, lei si definiva e io la consideravo, su di Lui invece non ho mai avuto il minimo dubbio e anch'io direi che il gioco è valso la candela e son contenta di averlo ancora :) un abbraccio a te :)

      Elimina
  3. Cosa?
    "battiti di cuore"?
    Ma stiamo scherzando?
    Erano "Battiti cardiaci"!!!
    Ho ancora da qualche parte l'e-mail che lo comprova, molto, ma molto in fondo a qualche BKP del vecchio Powermac 9600..
    Insomma in mezzo a tutta quella robaccia digitale priva di valore, che mi dovrei decidere a buttare!

    E poi perché stavi leggendo le mie e-mail inviate alla (all'ora) tua migliore amica?
    Te lo ha ordinato il medico di rompermi le scatole e chiedere alla tua ex-migliore amica di farti scrivere da uno dei suoi conoscenti?

    Ma guarda tu che fracassa marroni di prim'ordine!
    Dimmi la verità: mi hai voluto conoscere per rovinarmi la vita, vero?

    E poi le date non sono giuste!
    E poi l'orafo l'ho solo dovuto torturare per fare quella incisione certosina!
    (Mentre per le due fedi con la decorazione/disegno che combaciano e si completano a vicenda, é bastato rapirgli la famiglia, nonni inclusi!)
    E poi hai frainteso tutto: quelle non erano poesie, ma lettere minatorie!!
    E poi non ti ho chiesto di sposarmi, ma di lavarmi e stirami mutande e camicie a vita!
    E poi perché non facciamo più l'amore come quando eravamo fidanzati?
    Non mi tiare fuori come scusa che ora ci sono le due palle al piede, perché c'erano anche prima, solo che non lo sapevamo…
    …o forse é proprio questo il motivo: ora abbiamo la consapevolezza!

    MioZio, siamo vecchi!!! VECCHI!!!!

    Niente panico!
    Lasciamoci trasportare dallo sport nozionale dei vecchietti: i ricordi…


    ~ I Miei Passi ~

    I miei passi come ombre del tuo cammino,
    i tuoi occhi come stelle nel mio destino.
    Silenzioso seguo il tuo andare,
    discreto lo proteggo col mio fare.

    Ti offro ciò che più non mi appartiene:
    la vita, il cuore e tutto ciò che contiene.
    Mi sazio, ingordo del tuo amore,
    abbeverandomi alla sorgente del tuo cuore.

    Di contro nulla chiedo,
    se non l'amor che in te vedo
    bruciar feroce ed appassionato,
    in un cuor davvero innamorato.

    (25/08/2002 )

    Il povero marito di Starsdancer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok retifico battiti cardiaci, ecco perchè non mi tornava il ragionamento che avevo fatto :P

      ♡♡♡

      Elimina
  4. P.S.
    Certo che il correttore ortografico automatico del Mac OS ne fa di cotte e di crude: scrivere un testo di getto senza riguardarlo é davvero un azzardo...
    Mi ha perfino corretto "allora" con "all'ora"...
    ...assurdo!

    A questo punto perché non te lo scrive direttamente lui il tuo post, così risolviamo il problema alla radice!

    Allora correttore automatico dei miei stivali, cosa vuoi scrivere?
    Su esprimiti...

    Non dici niente?
    Ma va a far funghi, va!!!

    RispondiElimina
  5. sottoscrivo il commento di silvia...:-)

    RispondiElimina
  6. Grazie x aver accettato l'invito!!!
    la tua è veramente una bella storia. Certo che la tua amica un po' di invidia ce l'aveva.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te :)
      Anche secondo me aveva un po' di invidia :(

      Elimina
  7. cuoricini cuoricini cuoricini!!

    RispondiElimina
  8. Adoro le storie d'amore... e la tua è bellissima!!

    RispondiElimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"