"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

lunedì 6 maggio 2013

Tu chiamale se vuoi: paranoie :D

Da quando siamo tornati nel mondo civilizzato :P da quando di fronte abbiamo palazzi terminati a dovere, col tetto, invece che lasciati a metà per poter continuare a costruire

Esempio di casa che avevamo di fronte nel vecchio paesone
Scusate la scarsa visibilità ma è l'unica foto che son riuscita a recuperare nei meandri della mia memoria :P 

e non "che belle queste costruzioni sembra di essere in Egitto (cit. il mio ex capo quando passò a casa)"


e no caro mio qui le case non sono costruite per prender meno caldo d'estate o meno freddo d'inverno (sto inventando di sana pianta) ma sono state costruite in previsione di un futuro che non è mai arrivato e nel frattempo si sono rovinate per benino.
Dicevo, da quando abbiamo di fronte palazzi normali, possiamo essere osservati in tutte le nostre azioni diurne e notturne, dato che ancora non abbiamo le tende, e ovviamente possiamo osservare le tende dei palazzi di fronte :P
E' da una settimana che la finestra del vicino è così

Ok faccio schifo facendo foto nonchè cercando di aggiustarle con Photoshop :P


La serranda della porta finestra è abbassata, ma non fino in fondo, e la finestra è semi aperta.
E' una settimana che mi chiedo: il proprietario sarà morto? Dovremo avvisare i carabinieri? La polizia? I vigili del fuoco?
C'era pure un gatto, intravisto una sera, sarà morto pure lui? Oppure si sarà magnato la testa del proprietario perchè non riesce ad arrivare al cibo? (questa cosa l'ho letta su un libro di Murakami Harucki, credo fosse "La ragazza dello Sputnik" e mi ha molto impressionato!)
A parte gli scherzi, troppo spesso si sentono casi di questo tipo e mi sto paranoiando nel pensare che magari è successo veramente qualcosa a questa persona, di cui tra l'altro non conosco l'identità, e io essendomi accorta di questa cosa strana delle finestre, non abbia fatto nulla per accertarmi che vada tutto bene. Ma poi mi viene un altro pensiero, e se poi vado ad accertarmene non passerò per quella impicciona che non si fa i fatti suoi?
Pensiero paranoico di chi vive in città, perchè chi vive in paese questi problemi non se li pone, ovvero ci si conosce più o meno tutti (nel mio paesello è ancora così) e tutti ci si preoccupa, più o meno, degli altri, soprattutto i vicini di casa. In città non ci si conosce nemmeno tra vicini di pianerottolo figurarsi con quelli del palazzo di fronte.
Se continua così per altri 2 giorni però credo che andrò a fare una ricognizione ;)

8 commenti :

  1. Ciao, sono iscritta già da un pò al tuo blog ma questo è il primo commento che lascio. Capisco perfettamente la tua ansia nel vedere quelle tapparelle da giorni nella stessa posizione, io stessa che non mi ritengo una persona impicciona,proverei quello che provi tu.
    Fare una ricognizione è una buona idea, anche se da paesana quale sono anche io, non saprei proprio come agire. E' triste pensare che qualcuno ti potrebbe giudicare male solo perchè ti preoccupi per lui...un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che la vita in città è davvero tanto diversa da quella in paese, specie se provieni da un paese piccolissimo (il mio conta 500 persone, oltre a un numero decisamente maggiore di pecore ;) ), il punto sta proprio nel fatto che
      non ci si conosce, non si parla quasi con nessuno per cui se vai a "informarti", molto spesso passi per maleducato e impiccione :( mentre in paese conoscendosi tutti, quando chiedi come sta una certa persona non rischi di apparire maleducato.

      Elimina
  2. Noi stiamo cercando casa...forse ancora a Pavia, ma anche nel resto del mondo...siamo un po' in crisi :( però su una cosa siamo certi, niente città.
    A te come va lì paranoie a parte?
    Per il vicino invece io andrei, chiederei, mi leverei ogni dubbio e ovviamente passerei per quella ansiosa, ma chissenefrega! ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace che siate in crisi :( ma per lavoro o altro? Anch'io sarei per la campagna, è decisamente più rilassante della città anche se mi mancherebbero molte comodità ora.
      Paranoie a parte qui va bene, finalmente ho di nuovo uno straccio di vita sociale anche se minuscola però almeno rivedo facce diverse da quella mia allo specchio :P mi sa che farò davvero così per il vicino ;)

      Elimina
  3. E' venuta un po' d'ansia anche a me .... ci fai sapere se hai notizie? magari è malato e non ha la forza di alzarsi dal letto ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi terrò aggiornati ;)
      La mia idea è che sia uscito e abbia lasciato tutto così ;)

      Elimina
  4. Aiuto, veramente...
    Pero' per quelle case lassu', il paragone e' davvero azzeccato :D

    RispondiElimina
  5. Si effettivamente il paragone è proprio azzeccato :) e non ho trovato la foto in cui si vedevano tutte quelle vicine che rendevano ancora meglio.

    RispondiElimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"