"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

lunedì 24 giugno 2013

Ricetta bolle di sapone casalinghe

Modalità piccola fiammiferaia on

Provengo da una famiglia numerosa, negli anni 80 avere 4 figli era già considerato "strambo", "temerario" insomma diverso, per usare gli aggettivi meno negativi che mia madre si sarà sentita dire all'epoca.
C'era, come racconta spesso lei, una sorta di moda "del figlio unico" o al massimo solo due, per cui venivi un pò criticata giudicata se per caso ti andava di averne di più (anche se lei ha sempre sostenuto che la sua vocazione fosse quella dell'accettare tutti i figli che dio ci vorrà mandare).
Anche in un piccolo paesino dell'entroterra sardo noi eravamo un'eccezione, gli altri bambini (pochi) coetanei presenti nel mio paese avevano al massimo solo un fratello o una sorella.
Fuori casa lavorava solo mio padre, anche se ora penso che mia madre lavorasse il triplo di mio padre ;) con 4 figli di pochissima distanza tra di loro (tra il primo e l'ultima ci sono solo 6 anni di differenza) il lavoro fisico e mentale non è affatto poco.
Ricordo che quando studiavamo tutti lei apparecchiava almeno tre volte per il pranzo perché rientravamo tutti in orari diversi.
I soldi erano pochini, non ci mancava niente, ma di certo non veniva speso in fronzoli e cose di poco conto. 
Le bolle di sapone erano uno di questi, noi le adoravamo come tutti i bambini e mia madre aveva una ricetta economica tutta sua per farcele, e che bolle!!
Credo che all'epoca al mio paesello non le vendessero neppure le bolle come le vediamo oggi e se venivano vendute forse costavano un botto, e di certo mia madre non pensava a comprarcele per tutti e quattro, se poi facevamo come fanno i miei due birbi allora te credo che non ce le comprava più.

Modalità piccola fiammiferaia off

Insomma, vi ho annoiato con un pezzo di vita passata, per raccontarvi che l'altro giorno, per allietare le piccole belve che erano chiuse in casa (sigh, una settimana con due bimbi malati in casa rende anche me una belva), facevamo le bolle dal balcone, i due sono riusciti a consumarle in meno di 30 secondi, chi se l'è buttate addosso, chi l'ha usate per innaffiare le piante o per lavare il balcone O_O
Grande tristezza e grande dolore, COME FACCIAMO SENZA BOLLE MAMMAAAAAA!!!!

Dopo aver sperimentato l'inefficacia di tutte le ricette presenti su internet, e non potendo uscire a comprarne delle altre, mi è tornata in mente la ricetta che usava mia madre.
Come si dice "di necessità virtù". Soprattutto quella della mia mamma ;)

La ricetta è in realtà semplicissima e consiste nello sciogliere del sapone di Marsiglia nell'acqua.

Come tutto qui???? Si tutto qui :)

Dovete sapere che mia madre aveva (e ha ancora) la vasca per lavare i panni in giardino, e quando il sapone si consumava lei conservava l'ultimo pezzetto e lo metteva dentro un barattolo di vetro con dell'acqua. 
Il sapone si scioglieva piano piano e noi potevamo usare quell'acqua per fare le bolle, che facevamo usando un pezzo di canna (si mia madre era una mamma eco-creativa-riciclona ante-blogging ;) )

Le bolle fatte in questo modo rimangono stabili e sono resistenti, a differenza di quelle che fai se usi solo acqua e sapone per i piatti.
Non ho mai provato ad aggiungere la glicerina al sapone per i piatti, come consigliano nelle ricette trovate qua e la su internet, però andare a cercare la glicerina solo per fare le bolle, ecco, mi sembrava un pò esagerato :P

Per chi vuole la ricetta esatta, io ho sciolto:

- 50 gr di sapone di Marsiglia
in
- 1 litro d'acqua

Il sapone tende a rimanere un pò a grumi, io ho usato una frusta per scioglierlo meglio :)






L'unico inconveniente è che il liquido è rimasto un pò viscido alla vista, ma non al tatto, però forse ho esagerato con le dosi, dovrò rifarle per testarle meglio :)

6 commenti :

  1. Marito di StarsDancer25 giugno 2013 08:48

    Ah, ecco cosa erano quei planetoidi trasparenti che scorrazzavano per casa l'altro giorno...

    RispondiElimina
  2. che bel racconto! e le bolle della tua mamma le provo sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) provale danno grandi soddisfazioni ;)

      Elimina
  3. Io come cannuccia usavo una penna Bic, funzionava bene nonostante il buchetto al lato.

    RispondiElimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"