"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

mercoledì 5 giugno 2013

Take it easy

Spesso, troppo spesso, da quando è nato Deddè, mi preoccupo della sua educazione, dei valori che vorrei inculcargli, dei principi ai quali tengo che vorrei insegnargli.

Ovviamente vale anche per Caia.

A volte sto li a scervellarmi di quello che potrebbero apprendere e imparare da me, dai miei comportamenti scorretti, da quelli corretti, e dal mio modo di fare, insomma vorrei, come tutte le mamme credo, che imparassero solo le cose buone, anche se, ahimè, è impossibile.

Oggi mentre facevo una chiacchierata con mia mamma ho capito che potrei prendermela un po' meno, ecco. Che certi valori e certi pregiudizi io proprio non li ho, non li penso e non li avrò mai, e allora mi chiedo da chi mai avrò appreso questo modo di pensare?

Certo c'è mio padre, che è decisamente più easy, rispetto a lei. Ma anche no.

Poi in un istante, mentre una delle mie sorelle ripeteva esattamente la stessa frase di mia madre, stessa identica idea, ho avuto un'illuminazione, io ho sempre voluto fare di testa mia, pensare con la mia testa, ho sempre visto ciò che gli altri predicavano a parole, e ho sempre creduto a ciò che gli altri mi dicevano senza andare a pensare che ci fosse qualcosa sotto, insomma sono un po' idealista, e anche un po' coglioncella se proprio vogliamo dircela tutta, però devo sbagliare con la mia testa non con quella degli altri.

Se tu mi dici che credi in Gesù Cristo, dal momento che Gesù Cristo accoglie tutti, ma proprio tutti, belli e brutti, ecco, allora io penso che se qualcuno che non ti piace viene a calpestare il tuo orticello, che sia carcerato, oppresso, maltrattato, emigrato, tu che fai? Lo accogli, dato che professi questa tua fede in maniera così assidua (e guai se ti perdi una messa!), non penso che a te venga in mente di non volerlo, di non accettarlo, di mandarlo via da te, perché quel Gesù che tu dici di amare così tanto non lo avrebbe fatto, avrebbe accolto tutti, anzi sarebbe andato lui per primo a prenderli.

Ma no invece, meglio lontani, che se li prenda qualcun'altro, questi rifiuti sociali, perché è pericoloso averli in giro, potrebbero invadere le nostre case e la nostra tranquillità. Insomma il solito discorso del "son tutti frosci col culo degli altri" (scusate la crudezza) o anche "sono tutti cristiani con la guancia degli altri".

Non vi dico la rabbia che mi fanno certi discorsi. Ipocrisie e bigottismi.

E mentre ci ragionavo su mi son detta che io in fondo non avevo preso niente di questo ragionamento, non l'avevo fatto mio, mentre mia sorella si, ripentendo esattamente le parole di mia madre (anche se fin da piccola io ero quella "ribelle, quella che non ubbidisce" mentre mia sorella era la classica "dove la metti sta").

Io, nonostante vedessi quei discorsi e quegli atteggiamenti, non li ho assimilati, e ho pensato "Hey Stars, take it easy, non prendertela troppo!" ho speranza che i miei figli possano non accogliere e assimilare certi miei comportamenti sbagliati, che non sono l'unica responsabile del loro comportamento e della loro educazione, che devo guidarli, ma che non posso sostituirmi a loro, e che se anche io facessi qualcosa di sbagliato, posso sempre contare sulla loro intelligenza e sul loro buonsenso, e si che sono intelligentissimi e degni figli della mamma, che già si ribellano in maniera sana e consapevole alla loro mamma :)

2 commenti :

  1. Basta un "Santo cielo le patatine!!!" e si capisce tutto!! ;D

    RispondiElimina
  2. Frase detta da Caia un paio di giorni fa in contesto molto intimo, dal che deduco chi tu sia, compare o comare? :D

    RispondiElimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"