"Passavamo sulla terra leggeri come acqua... come acqua che scorre, salta, giù dalla conca piena della fonte, scivola e serpeggia fra muschi e felci, fino alle radici delle sughere e dei mandorli" Sergio Atzeni - Passavamo sulla terra leggeri

venerdì 7 marzo 2014

Mister protesta

Deddè ha la polemica incorporata. Io dico sempre che è nato protestando. Lui protesta. A prescindere.

La mattina è sempre un momento molto tragico per noi, per lui. Fondamentalmente è, anzi sono entrambi, e lo sono sempre stati, dei gran dormiglioni, anche quando li metto a letto alle 9, loro si fanno tranquillamente le loro belle 12/13 ore di sonno. Da sempre. Salvo interruzioni se sono ammalati. E non lo so se sono fortune oppure se è frutto della mia "ossessione" ad abituarli alla nanna fin da quando erano più piccoli. Oppure è genetica. Ad esempio mio marito sta ancora dormendo, a quest'ora (le 10 del mattino). Insomma non ho mai avuto problemi con la loro nanna. Di pomeriggio, dopo essersi svegliati alle 9/9:30 si facevano le loro 3 orette abbondanti, l'unica cosa che facevo era metterli a letto alle 14, et voilà che loro dormivano fino alle 17 e pure fino alle 18 a volte e mi direte poi andavano a letto a mezzanotte? Ma anche no, sempre alle 9, e quando erano più piccoli anche prima. Diciamo che devo ringraziare davvero qualche santo in paradiso, perché quando lavoravo intensamente da casa loro mi aiutavano tantissimo dormendo bene! Insomma come capite la nanna, dopo il mangiare, è una delle cose fondamentali in casa nostra. Da qui deriva che svegliarli la mattina prima delle 8 è un'impresa.

E soprattuto il risveglio non è indolore.

Ogni mattina c'è qualcosa per cui protestare. E ogni mattina mi ritrovo a dover sentire le urla di un Deddè che fatica a carburare, e non beve nemmeno caffè!

Stamattina non riusciva a mettersi la vestaglia. Urla e lacrime. Lacrime e urla. Nel mentre, dal bagno davo istruzioni su come fare, ma niente, siccome è testardo lui continuava a piangere e a non voler seguire i miei consigli. Poi quando fa queste operazioni, tipo quella di vestirsi e infilarsi una giacca, sembra monco. Sul serio. Se usa la mano sinistra la destra non esiste. Non la usa! Dico vabbè ha 5 anni, ma si può essere così? Lo so, lo so, invece che chiedermi se si può essere così, dato che non possiamo essere tutti uguali dovrei cercare un modo per aiutarlo. Ma il fatto è che lui non conosce il problem solving, non riesce davvero a cercare e trovare una soluzione da solo, preferisce l'aiuto, allora io a volte mi punto e voglio che impari a far da solo. Poi mentre sta cercando di farlo urla e piange. A volte desiste prima ancora di provarci o si blocca a metà strada perché non ci è riuscito.

Alla fine c'è riuscito. Da solo, ma che fatica! E l'ho lodato davanti alla sorella. Meno male sembrava felice.

Però lui è così, quando non riesce a fare una cosa piange e urla. Frustrazione a kili.

Fanno una gara di corsa con la sorella? La sorella sta vincendo? Lui si ferma e piange perché la sorella è in vantaggio, e s'incaxxa forte. Mica continua a correre, no, questa possibilità non é contemplata. L'anno prossimo lo iscriverò in palestra, urge uno sport, di squadra, anche se è un pigrone :P

Va a mettere le mutande nel cesto della roba da lavare in bagno e mi dice:

"mamma la mia mutanda blu la metto nel bianco"

"no mettila nel colorato" faccio io

"Ma ieri ho visto che c'era una mutanda di Caia colorata nel bianco"

"Si ma ha sbagliato"

"Eh vabbè però c'era quindi io la metto nel bianco"

"Ha sbagliato mettila nel colorato, se è colorata si mette nel bianco"

"No ma c'era"

"E tu mettila nel colorato"

"Ma perchéeeee se Caia l'ha messa nel bianco?"

"Ho detto mettila nel colorato perché è colorata!!!!!"

È davvero estenuante. Sul serio, non so se siano tutti così, ma a me a volte cadono le braccia.

La polemica ce l'ha davvero incorporata, anche per le cose che vanno a suo favore.

Vuole una tic tac? Per sbaglio gliene dai tre e lui protesta perché gliene hai dato tre.

La nonna gli vuole dare una caramella da mangiarsi a casa? Non la vuole perché a casa ne abbiamo già altre...e mamma dobbiamo mangiarci prima quelle che abbiamo a casa.

A volte mi chiedo se sia davvero reale. Ha un senso della giustizia e del dovere altissimo, se fa qualcosa di sbagliato si autoaccusa. Se lo fanno gli altri fa la spia. Questa cosa di lui mi piace tantissimo, lo so tra un paio d'anni se continua così sarà apostrofato con la canzoncina che ci cantavano a noi da piccoli "chi fa la spia non è figlio di Maria...." E magari per adeguarsi perderà un po' questa caratteristica, però è bello che abbia questa sincerità disarmante e questo senso del dovere altissimo. Lui è quello che mi chiede se si può fare una certa cosa, se sia giusto farla, se è educato, ed é quello che apostrofa i passanti se fumano o buttano le cartacce per strada "che è da maleducati".

Però lui è anche quello che non si ingegna per fare le cose perché aspetta il tuo permesso per farle, oppure piange e urla che ha fame e nonostante gli abbia mostrato dove stanno i biscotti non muove un dito per prenderli. Nel frattempo la sorella, che invece è "molto figlia di Maria", si apre il frigo si prende la scatola di fetta al latte, ne prende una e richiude il frigo, si apre la confezione e mangia. Nel frattempo lui sta ancora piangendo. Capita che poi la sorella, siccome è molto generosa e servizievole, prenda i biscotti e glieli offra e lui indovinate che fa? Urla e piange perché voleva prenderli lui O_ o

Nel frattempo, stamattina, con orrore, ho scoperto di avere due rughe di espressione davvero inquietanti. Sembro un klingon.

Immagine presa da qui

 

Mhhh ora che ci penso ogni tanto mi ci fanno diventare, soprattutto Deddè, sarà per questo che mi sono uscite ste simpatiche rughe??? ;)

 

12 commenti :

  1. Mi sembra, in buona dose, di rivedere il mio maschietto... ecco, proprio in quest'ottica, mi dà da pensare quel "Ha un senso della giustizia e del dovere altissimo, se fa qualcosa di sbagliato si autoaccusa.". Ecco, l'autoaccusa che può sembrare un grandissimo pregio, non sempre lo è (o perlomeno non lo è stato per mio figlio), perché in realtà potrebbe nascondere molta insicurezza, pochissima autostima che potrebbe vedersi magari non adesso che è ancora relativamente piccolo, ma quando va a scuola. Non è facile portarli all'autonomia in modo equilibrato, è proprio un gran lavoro quello di genitore, porta tante soddisfazioni ma anche tanti pensieri e... tante rughe! ;)

    RispondiElimina
  2. Ecco, a settembre andrà a scuola. Per si autoaccusa intendo che se fa qualcosa tipo picchiare la sorella perché lo stava infastidendo mi dice che ha picchiato la sorella perché lo stava infastidendo, non finge di essere innocente o accusare gli altri come fa invece lei. Non so se sia un bene o un male, o se sia per scarsa autostima, anche se lui a volte sembra non fidarsi di se stesso, per questo vorrei portarlo a fare sport, però di lui ti puoi fidare perché ti dice sempre la verità anche quando va a suo discapito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... lo sport aiuta senz'altro! Provarne tanti, di gruppo e non, è un'ottima opportunità per imparare a conoscersi e a conoscerlo. Da non sottovalutare le arti marziali, che non è uno sport di squadra, ma aiuta molto a riflettere, moderare gli eccessi, aiuta la concentrazione e aumenta l'autostima (nel caso sia scarsa). E chissà che crescendo, mantenga la bella dote dell'onestà e sincerità! :)

      Elimina
  3. Che buffa la foto!! :)
    Io penso che fargli fare sport lo metterà a confrontarsi con altri bimbi come lui e sarà uno stimolo molto positivo. Ha un bel caratterino eh? Mi fa morire come lo descrivi, ha una grandissima personalità il nanetto.

    RispondiElimina
  4. Avere i figli con l'animo oppositivo in effetti aiuta il proliferare di rughe, ne so qualcosa ;)!
    Ieri su genitoricrescono c'era un bel post proprio su bambini simili ai nostri, certo ci sono fasi e gradi diversi però è utile sapere che non si è soli e che qualcosa col tempo migliora.
    Poi sono anche di una coerenza infinita e hanno grande consapevolezza, credo che spesso si disperino proprio perché capiscono di non riuscire ad uscire da certi comportamenti limitanti.
    Magari sport e scuola gli daranno modo di sfogarsi e trovare il suo modo di gestire i momenti di malumore, ve lo auguro davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione dell'articolo, non lo avevo ancora letto, veramente illuminante :)

      Elimina
  5. @ciccola si ha un bel caratterino davvero, e non sempre mi sembra di riuscire a descriverlo bene o per lo meno quando lo descrivo a voce è decisamente più caratterizzato. Anche perché poi è molto tragico e si prende decisamente sul serio :)

    RispondiElimina
  6. @Marzia è vero ha una grandissima coerenza e consapevolezza. Che poi di solito quando passa il momento clou e si calma è un bambino davvero bravo. Io a volte credo si disperi perché non riesce a fare come vorrebbe, tutto e subito, senza nemmeno provarci, anche se non è solo quello, essendo un perfezionista credo che gli dia fastidio non fare bene le cose, ma forse è solo un'impressione. Di sicuro c'è che quest'anno avendo una cerchia di amichetti che frequenta anche fuori dalla scuola è decisamente migliorato!!

    RispondiElimina
  7. Hahahaha scusa ma ti ho trovato troppo ironica in questo post :D povero Dedde' lui, lo sai che e' il mio preferito!

    RispondiElimina
  8. Ahahahahah ecco qualcuno che ha capito il mio intento finalmente ;) stamattina dopo essermi guardata allo specchio e aver visto quelle due rughe non smettevo di ridere, soprattutto dopo che Deddè faceva il monco mettendosi la vestaglia, davvero mi fa morire certe volte :D

    RispondiElimina
  9. Che bel caratterino! Però è proprio pieno di lati positivi, bisogna solo smussarli un po'... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato non sia stato fornito di lima al suo arrivo ;) per fortuna ha anche un lato passionale ed emotivo bellissimo :)

      Elimina

Non mi piace fare la questuante, per questo ho ingaggiato le "due palle al piede" che sono bravissime: "Lassia un commento, lassia un commento, lassia un commento pe favvore gggrazie"